Il  C.A.E (Comitato Assistenza Educativa) è l’Ente gestore che dal 1994 opera nel Cantone di Ginevra. Il nostro Ente collabora con l’ Amministrazione dello Stato italiano (Ministero degli Affari Esteri)  alla gestione ed organizzazione dei Corsi di lingua e cultura italiana. Le attività svolte dal C.A.E, in parte sovvenzionate dello Stato italiano, si reggono grazie al contributo dei genitori. 

L’impegno finanziario del C.A.E. è determinato dalla spesa per il trattamento economico dei Docenti a suo carico; dalle spese per le provvidenze di assistenza agli alunni dei corsi (libri di testo e materiale didattico); dalle spese di amministrazione; dalle spese per l’aggiornamento degl’insegnanti. 

Gli Enti Gestori (in passato denominati Comitati di Assistenza Scolastica Italiana), tra i quali il CAE, vengono istituiti alla fine degli anni ‘60 quali enti di emanazione consolare. Successivamente, con la legge n. 153 del 1971, si definiscono gli interventi a favore dei lavoratori italiani e dei loro congiunti. In questo ambito agli enti vengono affidate due mansioni principali l'assistenza scolastica a favore dei corsi integrativi di lingua e cultura italiana, e l'organizzazione di corsi speciali annuali per la preparazione dei lavoratori italiani agli esami di idoneità e di licenza di scuola italiana elementare e media.

Nel 1985, gli enti di emanazione consolare vengono aboliti, per essere sostituiti da associazioni o comitati a diritto locale, ai quali sono affidati gli stessi compiti. Nell'autunno 1993 (legge 243/93), il Parlamento italiano incarica gli Enti Gestori di assumere parte del personale docente destinato ai Corsi di Lingua e Cultura, e garantisce loro l'assegnazione di un contributo annuo a copertura delle spese. Ciò causa un aumento vertiginoso dell'attività e delle responsabilità degli Enti. La Circolare 13 infine, che attua il decreto legislativo in materia d’istruzione (n. 297, Parte V, del 16 aprile 1994), regola i dettagli d’attuazione delle leggi in vigore.

Oggi, per il proprio funzionamento, oltre al contributo ministeriale, che si aggira al 45% circa dell'entrate, l'Ente Gestore specifico, ossia il C.A.E. Comitato Assistenza Educativa, si avvale, per il restante 55% del contributo volontario delle famiglie degli alunni che frequentano i corsi di lingua.  In Svizzera ci sono altri Enti gestori che, come il C.A.E, ricevono un contributo dallo Stato italiano; ma, proprio perché si tratta di un contributo, per far fronte al loro impegno finanziario anche gli Enti devono disporre di una loro propria risorsa. Quest’ultima deve provenire dal contributo delle famiglie degli alunni che frequentano i corsi. 

 

Clicca qui per accedere allo Statuto CAE